Line separator

PROGETTI DI CONSERVAZIONE

La Fondazione ZOOM sostiene le organizzazioni internazionali con le quali il bioparco Zoom collabora da anni per portare avanti progetti di conservazione ed educazione

mondo2_edited_edited.png

L'IMPORTANZA DEI BIOPARCHI.

Molte specie di animali in tutto il pianeta sono fortemente a rischio di estinzione. Le principali cause sono inquinamento, bracconaggio e deforestazione che distruggono gli habitat nei quali gli animali vivono.


I parchi zoologici moderni stanno diventando parte attiva dei programmi di conservazione, ricerca e reintroduzione degli animali in natura.  Essi infatti fanno parte di un network mondiale, la WAZA (World Association of Zoo and Aquaria), che collabora fra gli altri con il WWF (World Wide Fund for Nature), la IUCN (International Union for Conservation of Nature) e The Nature Conservacy. 


La WAZA fornisce inoltre le linee guida per ogni singolo continente e nazione: come in Europa all’Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari (EAZA) o in Italia all’Unione Italiana Giardini Zoologici e Acquari (UIZA). 

LA CONSERVAZIONE.

La conservazione rappresenta oggi un importante ruolo delle strutture zoologiche, perché al loro interno vengono ospitate moltissime specie a grave rischio di estinzione, o addirittura già estinte in natura. Questa mission viene svolta principalmente in due modalità: ex situ e in situ.

La conservazione in situ viene effettuata tramite la tutela dei singoli habitat, la protezione degli individui e la reintroduzione delle specie nelle varie aree naturali.


La conservazione ex situ è quella svolta nelle strutture zoologiche e subentra  nel caso in cui una specie sia fortemente minacciata o il numero di individui si sia molto ridotto.

Non rappresenta una strategia alternativa a quella in situ, ma è assolutamente complementare.

I PROGETTI
SOSTENUTI.

tigre-cons1.jpg

Organizzazione: Wildcats Conservation Alliance

Organizzazione internazionale per la salvaguardia dei felini minacciati di estinzione
Progetto: clinica mobile
Località: India dell’est, Nepal dell’ovest.
Obiettivo: realizzare una clinica mobile in Siberia per aiutare le tigri siberiane in difficoltà e intervenire chirurgicamente in loco. La clinica mobile, infatti, avrà uno spazio dedicato agli interventi e 4 posti letto per i veterinari che vi lavorano.
Risultati/Donazioni: ZOOM ha donato 10.000 

Organizzazione: Save the Rhino International

Organizzazione internazionale per la salvaguardia del rinoceronte.
Progetto: uMkhuze Smart Park Project
Località: uMkhuze Game Reserve, KwaZulu-Natal, Sud Africa
Obiettivo: conservazione dei rinoceronti  in particolare nella riserva uMkhuze Game Reserve parte  del iSimangaliso Wetland Park, a nord KwaZulu-Natal in Sud Africa, sito patrimonio dell’UNESCO e una delle zone più ricche di rinoceronti.

I soldi raccolti hanno permesso di fare formazione ed equipaggiare  I rangers, fornendo uniformi, attrezzature e un piccolo aereo di perlustrazione e controllo a loro supporto. Inoltre I fondi hanno permesso  di addestrare le unità cinofile anti bracconaggio.
Risultati/Donazioni: ZOOM ha raccolto oltre 10.000 

Cosa fanno i bioparchi per la conservazione dei rinoceronti? Scoprilo nel report di Save the Rhino

rino-cons1.jpg
logoaiea.jpeg

Organizzazione: AIEA – L’Associazione Italiana Esperti d’Africa divulga informazioni e realizza progetti di conservazione in natura, in particolare a favore della salvaguardia del rinoceronte
Progetto: Operazione Rhino

Località: Riserva di Ongawa (Namibia), Parco Nazionale del Pilanesberg, Sud Africa

Obiettivo: l’equipaggiamento dei ranger antibracconaggio e  l’acquisto dei microchip per i rinoceronti
Risultati/Donazioni: Zoom ad oggi ha donato all’associazione AIEA 10.000 € 

Organizzazione: SANCCOB (The Southern African Foundation for the Conservation of Coastal Birds).

Progetto: African Penguins Chick Bolstering

Località: Città del Capo, Sud Africa

Obiettivo: Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per la conservazione, il recupero, la riabilitazione dei pinguini africani e l'educazione nelle scuole di Cape Town per salvaguardia delle specie a rischio.

Risultati/Donazioni: ZOOM ha raccolto oltre 5.000 €

pingu-cons1.jpg
conservazione-volohasy1.jpeg

Progetto: Volohasy - Bambù, promossa dal Dipartimento di Biologia Animale e dell’Uomo dell’Università di Torino, supportata da UIZA (Unione italiana Zoo e Acquari)

Località: Maromizaha, Madagascar

Obiettivo: riforestazione a bambù per la foresta pluviale degli alberi dragone di Maromizaha a tutela delle due specie di lemure endemiche dell’area, strettamente dipendenti dal consumo di questo vegetale.

Risultati/Donazioni: Zoom, ad oggi ha supportato il progetto donando 5.000 €

Progetto: Green Viet, Save biodiversity for Vietnam

in collaborazione con il Parco Natura Viva, Fondazione Arca e lo Zoo di Pistoia.

Località: Son Tra Nature Reserve, Da Nang, Vietnam

Obiettivo: Il progetto “Raise awarness on the Red Shanked Douc” ha come obiettivo di accrescere la conoscenza della popolazione locale sul tema della biodiversità di Son Tra, di connettere le persone con la natura attraverso programmi educativi mirati, al fine di accrescere la loro partecipazione contribuendo a salvare la biodiversità di Son Tra. Inoltre, il progetto punta alla salvaguardia dell’unica area della foresta in Vietnam, dove è ancora presente il Langur Duka, una scimmia ad altissimo rischio di estinzione.

Risultati/Donazioni: Zoom, ad oggi ha supportato questo progetto donando 3.000 €

greenviet-web-logo.png
panda-cons1.jpg

Progetto: Red Panda Network Forest Guardian

Località: India dell’est, Nepal dell’ovest.

Obiettivo: creare la 1° riserva mondiale tutelando un corridoio di foresta tra l’India e il Nepal (chiamato PIT, Panchthar – Ilam – Taplejung) estremamente importante per  la conservazione della specie. Il  25% della popolazione si trova in quest’area e attraverso il corridoio si collegano alle popolazioni che vivono nel resto del paese.

Risultati/Donazioni: Zoom, ad oggi ha supportato questo progetto donando 1.000 €

LE RICERCHE SVOLTE.

Il bioparco Zoom ha siglato da anni convenzioni con varie Università nazionali ed internazionali, offrendo l'opportunità a ricercatori e studenti, di svolgere la propria tesi di laurea o di dottorato presso il parco. Molte delle ricerche svolte hanno portato a pubblicazioni scientifiche.